Tutto sul quartiere Eixample: cosa visitare e dove mangiare
laura
Scritto da laura

Benvenuti nell’Eixample: tra geometrie e modernismo!

| 92 commenti

Fateci caso, quando il vostro aereo inizia la discesa verso Barcellona: sotto di voi, nel mezzo della città, vedrete un reticolo di isolati quadrati, tagliati in diagonale da grandi viali e da una eccentrica, folle costruzione che è il simbolo della città che state per visitare: la chiesa della Sagrada Familia.

State guardando l’Eixample, un quartiere unico al mondo per struttura, attrazioni turistiche, possibilità di shopping e tanto altro.. una zona che da sola vale il viaggio a Barcellona!

Un po’ di storia e informazioni generali

L’Eixample (o Ensanche in spagnolo, che letteralmente significa “ampliamento”), è l’area centrale, più grande e popolosa della capitale catalana, divisa a sua volta in 6 quartieri: Dreta de l’Eixample, Antiga Esquerra de l’Eixample, Nova Esquerra de l’Eixample, Fort Pienc, Sagrada Familia e Sant Antoni.

Stiamo per raccontarvi la cronaca del centro economico e commerciale della città, ma anche di quella che è stata la culla del geniale movimento architettonico del modernismo, che ci ha lasciato in eredità edifici iconici come il tempio della Sagrada Familia, la Casa Batlló, la Pedrera, l’Hospital Sant Pau e tanti altri.

La storia di questo quartiere è appassionante: l’ha costruito un architetto di nome Ildefons Cerdá, un visionario che a metà del XIX secolo decise che il centro di Barcellona, al tempo in espansione, doveva essere un luogo accogliente e egualitario, dove tutti avessero lo stesso spazio per vivere e dove la luce fosse protagonista.

Al tempo, la borghesia catalana non fu molto contenta di questa proposta rivoluzionaria, ma alla fine il governo centrale approvò il piano e impose l’inizio dei lavori. Il risultato è una rete di vie ordinate, fiancheggiate da edifici bassi ed eleganti, dove hanno trovato oggi il proprio habitat naturale boutique internazionali e locali, hotel con splendide terrazze, ristoranti glamour e musei tutti da scoprire.

Gli abbonamenti di Barcellona Scopri le differenze degli abbonamenti di Barcellona
Digital Pass, Hola Bcn o Barcellona Card?

Le opere di Gaudí, l’alta moda di Passeig de Gracia, i bar hipster di Sant Antoni, le esposizioni da scovare negli splendidi palazzi, i locali folli del Gaixample o quelli decisamente più fighetti della zona alta.. l’Eixample è tutto questo e tanto altro, quindi sfoderate il vostro lato più trendy, mettetevi delle scarpe comode e preparatevi a fare un giro che ricorderete a lungo!

Come arrivarci? Il miglior punto di partenza del vostro itinerario è la plaça Catalunya; da lì potete salire a piedi per Passeig de Gracia, oppure andare verso plaça Universitat e il quartiere di Sant Antoni. Dalla fermata della metro di Passeig de Gracia potrete prendere la linea viola (L2) per raggiungere comodamente la Sagrada Familia e poi, se avete ancora dell’energia rimasta, camminare verso l’Hospital Sant Pau e l’antica plaza de toros Monumental.

Cosa vedere nell’Eixample

Lasciato dietro di voi il labirinto di stradine medievali del Born e del Barrio Gotico, i viali diventano ampi ed eleganti entrando nell’Eixample, come se l’atmosfera leggermente decadente e vivace della città vecchia lasciasse il passo ad un ambiente più austero.

La via più famosa del quartiere è il Passeig de Gracia, una delle strade commerciali più importanti di tutta la Spagna; ogni grande città che si rispetti ha il suo viale dello shopping, ma in quale altro posto del mondo accanto alla vetrina di un negozio chic potete ammirare palazzi modernisti progettati dal genio di Antoni Gaudí? La policromatica, scintillante e sinistra Casa Batlló ha un mix di stravaganti dettagli, mentre la facciata della Pedrera (o Casa Milá) è una composizione ondulata di pietra lavica. Entrambe assolutamente imperdibili da ammirare dall’esterno, sono emozionanti da esplorare all’interno.

Per restare in tema di edifici fuori dal comune, il Temple Expiatori de la Sagrada Família, con le guglie gotiche delle sue 18 torri ancora da terminare, la misteriosa Facciata della Natività e i giochi di luce delle navate interne, è la costruzione piu iconica di Barcellona e il monumento piu visitato di tutta la Spagna.

Se ancora non ne avete avuto abbastanza di Modernismo l’Hospital de Sant Pau, patrimonio UNESCO dal 1997 progettato dall’architetto Lluís Domènech i Montaner, è un ospedale ancora in uso con una impressionante facciata gotica.

Il tempo è grigio e preferite un piano “indoor”? Il Palau Robert (Passeig de Gracia 107), e la Fondazione Antoni Tapies (carrer Aragó 255) sono due ottime alternative. Nel primo palazzo troverete esposizioni gratuite di fotografia, arte, illustrazione e gastronomia (non dimenticate che siete nella patria di Ferran Adriá, qui la cucina è sacra!), mentre la seconda ospita collezioni del più conosciuto artista catalano contemporaneo.

Dove mangiare nell’Eixample

Se l’architettura dell’Eixample è grandiosa ed eccentrica, la sua cucina non è da meno.

Per evitare di trovarvi con il portafogli vuoto e lo stomaco indisposto, meglio essere preparati quando l’appetito chiama. La prima regola, scontata, è come sempre quella di allontanarsi un po’ dalle attrazioni turistiche, soprattutto la Sagrada Familia, e prendersi del tempo per esplorare gli angoli meno conosciuti.

Se il portafogli lo consente il Petit Comite, nello stretto e lussuoso vicolo di Passatge de la Concepcion 13, offre piatti della tradizione catalana rivisitati dallo chef stellato Nandu Jubany. E se dopo la cena vi va un gin tonic per digerire, giusto di fronte c’e il Boca Chica, un magnifico cocktail bar che vi farà respirare un’atmosfera newyorkese.

Preferite mangiare delle tapas e un bicchiere di vino rosso? Carrer Parlament, in zona Sant Antoni, è la via più hipster della città, tutta un susseguirsi di bar dove mangiare delle uova benedict all’ora del brunch, o sorseggiare un succo detox seduti su un tavolino al sole. Il nostro preferito per ottime tapas e vermut (l’aperitivo locale) è il Bodega Vinito, mentre per il brunch optate per il Cometa o Federal Café. Piccola curiosità: se vi viene un’improvvisa voglia di biscotti del Mulino Bianco o burrata, imboccando Carrer Parlament vi imbatterete in un insospettabile negozio etnico, chiamato Supermercat del Món, che racchiude un mondo di prodotti italiani!

Sempre in tema tapas con buon rapporto qualità prezzo, al Bitxarracu (carrer Valencia 212) la cucina è informale e gustosissima, mentre al Betlem (carrer Girona 70) sia il menu di mezzogiorno che le fantastiche razioni di pesce, carne e verdura sono da leccarsi i baffi (per un dessert fresco, provate il sorbetto di limone e basilico!).

All’ora della colazione o a merenda, la pasticceria Mauri (carrer Provença 241) è la preferita dalle famiglie locali.

Naturalmente il quartiere offre molte altre opzioni gastronomiche, per approfondire l’argomento sbirciate l’articolo sui nostri ristoranti preferiti di Barcellona.

Vita notturna: locali e bar

Forse l’Eixample non è così festaiolo come i suoi vicini del centro storico, ma una volta scoperte le sue chicche nascoste vi farete conquistare anche dalla sua vita notturna!

Quando scende il sole, puntate verso carrer Enric Granados, un’animata via nei pressi dell’università, per una “vasca” di bar in bar. Oppure sorseggiate favolosi cocktails al Dry Martini (carrer Aribau 162). Se siete in gruppo e volete farvi qualche birra, La Principal, in carrer de Sepulveda 186, è local, rilassato e i tavolini fuori sono fantastici d’estate.

Ora che il grado alcolico inizia a salire, potete sgranchirvi le gambe a El cangrejo (carrer Villaroel 86), un mitico disco bar del Gaixample, la zona gay di Barcellona, per ballare come in Flashdance con i ritmi pop degli anni ‘70 e ‘80.

La notte si finisce al City Hall, al lato della plaça Catalunya, uno dei luoghi di culto dell’elettronica locale, oppure se siete fighetti fino al midollo (o avete più di 35 anni) al Luz de Gas, vicino alla fermata del ferrocarril di Muntaner.

Se alla disco preferite la musica dal vivo, all’Auditorium (carrer Lepant 150) la programmazione va da concerti di classica al jazz e al rock.

abbonamento top di barcellona
Sagrada, Parc Guell, Casa Battló e 10% di sconto!

Dove dormire

L’area modernista dell’Eixample è una delle zone migliori per dormire a Barcellona: meno opprimente della città vecchia, anche per la sensazione di ampiezza delle sue strade, meno piena di “guirisdella Barceloneta (soprattutto in estate) è perfetta per visitare a piedi sia il centro che il vivacissimo quartiere Gracía.

Qui ci sono hotel di tutti i tipi, alcuni con delle terrazze panoramiche che vi faranno innamorare; quella dell’Hotel Pulitzer, proprio accanto alla plaça Catalunya (carrer Bergara 8), è tra le nostre preferite, ma per i fan del rooftop qui c’è l’imbarazzo della scelta.

Consigliamo anche di provare l’accoglienza del Villa Emilia (carrer Calabria 115-117), che farà cedere al romanticismo anche i più scettici e il Casa Bonay (Gran Via de les Corts Catalanes 700), che è tra gli hotel più trendy della città e oltre al design fighissimo ha pure un ristorante top.

Il paradiso dello shopping

Stilisti internazionali con boutique esclusivissime e sorvegliatissime, ma anche botteghe artigiane locali e catene per tutti i gusti. Se state cercando la mecca dello shopping, la trovate su Passeig de Gracia!

Oltre a Valentino, Prada e Dolce & Gabbana, ci sono anche shops dai prezzi più abbordabili come quelli di & Other Stories, l’ultimo arrivato della moda svedese e tra i preferiti di chi scrive. Zara, Mango, e H&M sono enormi, ma se volete sbizzarrirvi tra marche spagnole e internazionali, l’enorme centro commerciale El Corte Inglés è tra gli edifici più riconoscibili della plaça Catalunya.

Per trovare negozietti più abbordabili e originali, potete provare la zona di Enric Granados e di Sant Antoni (dove tra l’altro la domenica mattina c’è un imperdibile mercato di libri, poster, figurine e oggetti antichi), mentre sulla Rambla Catalunya negozi di abbigliamento, accessori e caffè con terrazze all’aperto si susseguono uno accanto all’altro.

  • Aprile 21, 2017 at 15:22
    Laura
    salve il mio viaggio a barcellona va dal 18 al 21 maggio....arrivo a girona alle 12.... l hotel è ibis meridiana...sapete darmi informazioni come muovermi una volta arrivata all aeroporto per raggiungere l hotel e poi dall hotel per il centro o comunque le cose da visitare?..Grazie
    • Aprile 21, 2017 at 16:07
      Pedro
      Hola Laura, dall'aeroporto prendi il bus della Segales fino alla Estacion del Nord. Una volta arrivata cammina fino alla stazione di Arc de Trionf e poi prendi il treno R3 o R4 fino a Sant Andreu Arenal a 600 metri dal tuo hotel oppure la metro L1 Rossa per Fabra I Puig a 800 metri. Per andare in centro sono gli stessi mezzi dipendendo da dove devi andare.
      • Aprile 21, 2017 at 19:06
        Laura
        Forse é più complicato a dire che fare chissà ☺.... ma dall hotel Dove sto io si arriva facile al centro o no?!per visitare le parti più importati sono situata in una buona posizione? !
        • Aprile 21, 2017 at 20:37
          Pedro
          Laura, sei fuori dal centro e non è la zona più comoda, ma con la metro o il treno raggiungi tutte le attrazioni.
          • Aprile 23, 2017 at 01:15
            Laura
            Ah okok...grazie comunque. ..speriamo bene....
  • Aprile 15, 2017 at 18:45
    Daiana
    Ciao a tutti. Il mio viaggio a Barcellona e previsto con arrivo 1 giugno ore 15.00 all'aeroporto di girona. Secondo voi dove è meglio alloggiare? Il rientro è per domenica 4 giugno partenza alle 11.15 da Barcellona El prat. Ho già guardato su booking per gli hotel e c'è ne sono ancora molti a buon prezzo, però nn saprei da li dove spostarmi. Vorrei visitare le attrazioni principali di Barcellona, però mi sa.che mi devo spostare un po più verso El prat. Aspetto vostri consigli.
    • Aprile 15, 2017 at 19:15
      Pedro
      Hola Daiana, il bus da Girona ti lascia vicino la metro Arc de Triomf. Se trovi alloggio vicino a una fermata della metro rossa L1 è perfetto! Possibilmente tra le fermate di Clot e di Espanya, così sei comoda sia all'andata che al ritorno.
      • Aprile 15, 2017 at 19:50
        Daiana
        Ciao Pedro grazie della risposta super veloce Quindi è meglio una fermata intermedia? Ho visto che i prezzi iniziano a salire per quelle date.
        • Aprile 16, 2017 at 09:15
          Pedro
          Qualsiasi alloggio vicino le fermate metro di Arc de Triomf, Urquinaona, Catalunya, Universitat, Rocafort, Urgell e Espanya andrà benissimo per essere comoda con gli spostamenti.
          • Aprile 18, 2017 at 12:26
            Daiana
            Ciao Pedro ho prenotato in un hotel in questa via Vilà i Vilà, 79, Sants-Montjuïc, 08004 dovrebbe essere una buona zona, giusto?
            • Aprile 18, 2017 at 17:57
              Pedro
              Va bene Daiana, ci sono anche tantissimi bar dove mangiare pintxos ;-)
Lascia un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori.