Il Museo delle Illusioni e il Big Fun Museum a Barcellona
Alice
Scritto da Alice

Big Fun Museum e Museo delle Illusioni a Barcellona: il divertimento instagrammabile

| 0 commenti

Ci sono posti che promettono esattamente quello che il loro nome dice: un gran divertimento! È questo il caso del Big Fun Museum e del Museo delle Illusioni di Barcellona, due attrazioni in centro città che condividono lo stesso concept: offrire un’esperienza fantasmagorica e super instagrammabile dove l’arte dell’illusione (ottica) e la creatività si uniscono per regalare ore spensierate e piene di risate. 

Se vi trovate in centro a Barcellona, amate fare foto da pubblicare sui social e avete voglia di un’esperienza leggera e colorata, il Big Fun Museum e il Museo delle Illusioni sono un’opzione da considerare. Noi di Visitare Barcellona siamo andati a curiosare in tutte le magiche sale che compongono queste due installazioni, e ora vi raccontiamo che esperienza potete aspettarvi.

Big Fun Museum e Museo delle Illusioni a Barcellona: nove spazi tematici con un solo biglietto

Il Big Fun Museum e il Museo delle Illusioni hanno aperto le porte in pieno centro di Barcellona, zona Rambla, nel 2018. 

Il nome museo può trarre in inganno: non si tratta di una collezione di opere d’arte ma di un vero e proprio parco divertimenti instagrammabile a misura di famiglie con bambini e di persone che non vogliono prendersi troppo sul serio quando sono in vacanza!

Big Fun Museum e Museo delle Illusioni: qual è la differenza?

Il Museo delle Illusioni di Barcellona è parte del complesso del Big Fun Museum, anche se si trova in una sede separata. Si tratta di una lunga e coloratissima galleria che ospita 60 illustrazioni che si susseguono una dietro l’altra alle pareti. 

Le illustrazioni sono in 3D e qui sta il fascino del Museo delle Illusioni: ogni opera diventa una scenografia tridimensionale in cui potete inserirvi e immortalarvi, come se foste parte della scena. 

Potete scattarvi foto mentre vi mettete in posa tra enormi ali piumate o combattete con un lottatore di sumo in stile Street Fight; potete anche girare simpatici video in cui sembrerà che state attraversando un ruscello in una foresta incantata o camminando sopra le guglie della Sagrada Familia

Sarà la vostra creatività a guidarvi tra le illustrazioni e a scegliere quelle di cui volete diventare parte integrante!

Il Big Fun è invece un grande edificio su più piani composto da otto sale tematiche: 

  • Alice attraverso lo specchio 
  • Food Art
  • Museo de la Locura
  • La casa rovesciata
  • La casa del Gigante
  • Sweet Museum
  • Believe it or Not
  • Magic Room

Tra poco le descriviamo meglio.

Sia il Museo delle Illusioni che il Big Fun nascono per combinare il divertimento di un mini parco-divertimenti con l’instagrammabilità e la passione per le foto creative da pubblicare sui social.

In ogni caso, che abbiate o meno un talento con la fotografia, il Big Fun e il Museo delle Illusioni sono pensati per garantirvi ore di bizzarro divertimento e molte risate.

Per chi sono pensati il Museo delle Illusioni e il Big Fun Museum?

Sia il Museo delle Illusioni che il Big Fun Museum parlano a un pubblico variegato. Che stiate visitando Barcellona con amici, in famiglia o per un addio al nubilato/celibato, passare qualche ora in queste installazioni aggiungerà un tocco di gioia e leggerezza alla vostra giornata.

Il Museo delle Illusioni e il Big Fun Museum fanno per voi se:

  • Siete Instagrammer o TikToker: Grazie alla colorata scenografia del Big Fun e alle opere in 3D del Museo delle Illusioni, potrete scattare foto e girare video che faranno impazzire i vostri feed di Instagram e TikTok. In entrambi i musei trovate foto di esempio per trarre ispirazione dalle installazioni e mettervi in posa come pro per non perdere nemmeno un briciolo di instagrammabilità! 
  • Siete in coppia e volete regalarvi un’esperienza fotografica suggestiva: Durante la nostra visita al Museo delle Illusioni abbiamo visto diverse coppiette di giovani che si stavano divertendo un mondo a mettersi in posa di fronte alle scenografie più romantiche.
  • Viaggiate con bambini: Non c’è dubbio, se state girando Barcellona con bambini saranno loro i protagonisti della visita al Museo delle Illusioni e al Big Fun! Abbiamo visto bambini felicissimi che saltellavano tra un’attrazione e l’altra e si mettevano in posa tra i tentacoli di un polpo, tra le zampe di api giganti o tra le fauci di uno squalo.
  • Siete in giro con amici e amate le goliardate: Addio al nubilato o al celibato, viaggio della maturità o fine settimana scacciapensieri con il vostro gruppo di amici: qualunque sia il motivo del vostro viaggio in compagnia, se scattare le foto più strane e goliardiche è un momento che non manca mai, venite al Museo delle Illusioni o al Big Fun per ridervela di gusto!

Dove acquistare i biglietti

I biglietti per il Museo delle Illusioni e il Big Fun Museum si possono comprare sia sul posto, appena arrivate, sia online.

Noi vi consigliamo di prenderli in anticipo per evitare le code. Quando acquistate il biglietto online, lo riceverete via email e dovrete poi mostrarlo all’entrata.

Il Big Fun Museum costa 25 euro e non avete limiti di tempo per divertirvi, visitare tutte le sale e scattare tutti i video e le foto che volete.

Big Fun Museum
Acquista il biglietto

Per il Museo delle Illusioni il prezzo del biglietto singolo è invece di 15 euro e vi permette di visitare la galleria con le sessanta opere in 3D. Potete  entrare quando volete e passarci tutto il tempo che vi serve per scattare le foto!

Museo delle Illusioni
Acquista il biglietto

Esiste infine la possibilità di acquistare il biglietto combinato per entrambi i musei.

I bambini fino a 5 anni entrano sempre gratis. 

Come arrivare al Museo delle Illusioni e al Big Fun

Entrambe le attrazioni sono in una posizione centralissima e sono davvero facili da raggiungere sia con la metro che in autobus.

Il Big Fun si trova proprio sulla Rambla (numero 88-94), nel marciapiede opposto a quello del Mercado de la Boquería. Ci arrivate con la linea verde (L3) della metro, fermata Liceu, uscita Mercado de la Boquería. Se viaggiate in autobus, le linee più comode sono la 59 e la V13, che fermano lungo La Rambla e nelle aree circostanti.

L’entrata del Big Fun si trova sotto un piccolo portico, ma il grande cartello colorato all’entrata dovrebbe aiutarvi a localizzarlo facilmente.

Anche se lo troverete citato nella descrizione delle sale del Big Fun, il Museo delle Illusioni si trova in un edificio separato, a cinque minuti di cammino. È in carrer Pintor Fortuny 17

Se viaggiate in metro, prendete la linea verde (L3), scendete a Liceu e fate gli ultimi passi a piedi. Se viaggiate in autobus, le linee più comode sono sempre la 59 e la V13: scendete sulla Rambla e camminate per pochi minuti.

Orari del Museo delle Illusioni e del Big Fun

Sia il Museo delle Illusioni che il Big Fun hanno degli orari che fanno onore alle lunghe giornate di Barcellona: sono aperti ogni giorno dalle 11 alle 21.

Una volta preso il biglietto, potete entrare in qualsiasi momento dell’orario di apertura e girare tra le sale tutto il tempo che volete. Così potete godervi tutte le sale del Big Fun con calma, entrare in tutte le illustrazioni del Museo delle Illusioni e scattare ogni tipo di foto e video!

Visitare il Museo delle Illusioni e il Big Fun: cosa c’è da vedere?

La galleria del Museo delle Illusioni

Il Museo delle Illusioni di Barcellona è una galleria artistica con 60 opere dipinte in prospettiva 3D: sembra magia, ma a seconda di come vi posizionate rispetto all’illustrazione, potete diventarne parte integrante! 

Si tratta di un’esperienza immersiva dove esplorare il modo in cui la percezione può essere ingannata attraverso esperimenti visivi che giocano con la prospettiva e le illusioni ottiche. Una volta trovata la posa e la prospettiva perfetta per sfidare la realtà, potrete scattare foto originali e scenografiche.

Il Big Fun invece è un’installazione più complessa, composta da otto sale tematiche molto diverse tra loro. Le passiamo brevemente in rassegna, così potrete capire prima su quali preferite soffermarvi e fotografare:

Il mondo di Alice attraverso lo specchio

La sala dedicata ad Alice è la prima che incontrerete entrando al Big Fun. Si tratta di uno spazio immersivo ispirato alla celebre storia di Lewis Carroll “Alice attraverso lo specchio”, cioè il sequel di Alice nel Paese delle Meraviglia. 

Quest’area vi porta nel fantastico mondo di Alice, dove la realtà è distorta e la fantasia regna sovrana, creando un’esperienza unica e magica per persone di tutte le età. Se siete in compagnia di bambini non abbiamo dubbi: rimarranno affascinati dalle luci e dagli elementi scenografici! 

Visitatela se:

  • Vi piacciono le ambientazioni surreali: La sala è immersa in una luce azzurra bassa e soffusa, che acuisce i sensi. Gli specchi, i mobili e gli oggetti della storia di Alice sono disposti in modo da creare illusioni ottiche e prospettive alterate, riflettendo il caos controllato del mondo capovolto di Alice.
  • Vi piacciono le sale interattive: Questa sezione è progettata per essere interattiva, quindi potete esplorare liberamente e interagire con gli elementi dell’ambiente. Potete camminare attraverso porte che sembrano condurre ad altre dimensioni e perdervi tra i riflessi degli specchi magici. 

Food Art

Questa sezione del Big Fun Museum di Barcellona ospita una decina di quadri che combinano il mondo del cibo e dell’arte. Non fatevi domande, date semplicemente un’occhiata alla creatività con cui si può usare il cibo per trasformarlo in arte visiva. 

La sala Food Art è una celebrazione dell’estetica del cibo. Qui trovate composizioni originali come una Sagrada Familia fatta di pannocchie o un quadro che celebra il divieto di corride in Catalogna, con una bandiera spagnola e un toro al centro fatto di riso, gamberi, peperoncini e gusci di cozze.

Visitatela se:

  • Vi incuriosiscono le installazioni creative: In questa sala si guarda e basta, tutto ruota intorno alla creatività dell’uso del cibo come arte. Dalla frutta alla verdura, dai pesci ai gusci di molluschi, tutto può essere usato per una composizione artistica.

Il Museo de la Locura

Il Museo de la Locura, cioè il “Museo della Pazzia”, è una sala interattiva che riproduce gli interni di un vecchio ospedale psichiatrico. 

L’obiettivo sembra quello di dare elementi per riflettere sulle tecniche, spesso abusive e violente, con cui venivano trattati i pazienti nei vecchi ospedali psichiatrici. Il risultato però è una sala che ricorda più un luna park degli orrori, concepita per intrattenere e spaventare il pubblico con installazioni inquietanti ed effetti a sorpresa.

Visitatela se:

  • Siete appassionati di horror: Il Museo de la Locura è caratterizzato da scenografie che sembrano uscite da un incubo, con stanze che distorcono la realtà in modi inaspettati e sorprendenti. Ogni ambiente è progettato per provocare reazioni inaspettate (e diverse urla di spavento, lo ammettiamo!).
  • Non siete facilmente impressionabili: Questa sala non è raccomandata a persone sotto i 12 anni, ed è vietata a persone in gravidanza o con asma, problemi cardiaci o epilessia. Ci sono diversi manichini che si attivano con un pulsante: preparatevi a urla, scene raccapriccianti e movimenti inconsulti. Saltatela a piè pari se non amate il genere!

La Casa Rovesciata

Una delle attrazioni più fotografate del museo, la Casa Rovesciata vi mette letteralmente a testa in giù. Mobili e decorazioni sono fissati al soffitto, offrendo una prospettiva completamente nuova e divertente del vivere quotidiano.

Questa è senza dubbio una delle attrazioni più spettacolari e fotografate del Big Fun, e anche quella in cui noi ci siamo divertiti di più. Per approfittare al 100% della particolarità di questa sezione, guardate le fotografie di esempio o chiedete consiglio al personale di sala sulla posa migliore per scattare foto con effetto wow!

Visitatela se:

  • Volete scattare foto stupefacenti per i vostri account social: Questa è la sala dove potete sbizzarrirvi grazie a una scenografia sorprendente. Immortalatevi mentre fingete di fare capriole sui tavoli, vi arrampicate sui lampadari o guidate moto e biciclette camminando sul soffitto. Divertimento assicurato sia mentre scattate le foto che quando le pubblicherete sui social o le mostrerete nelle chat WhatsApp! 
  • Avete bambini al seguito: La Casa Rovesciata lascerà i bambini a bocca aperta: è un’esperienza che stimola la creatività e libera l’immaginazione.

Casa del Gigante

Qui tutto è in scala gigante. Questa sezione presenta oggetti di uso quotidiano trasformati in enormi installazioni artistiche. È un modo giocoso per sentirsi, per un attimo, come un minuscolo personaggio in un mondo di giganti.

Scegliete gli oggetti che vi piacciono di più e trovate la posa giusta: potrete sentirvi dei minuscoli Paperon de’ Paperoni in una stanza piena di monete d’oro, un piccolo essere che dorme in cassetti giganti o una goccia d’acqua sul bordo di un lavandino!

Visitatela se:

  • Vi piace interagire con le installazioni: Al contrario di molti musei tradizionali dove l’interazione è limitata e impera il divieto di toccare le opere, questa sala del Big Fun si fonda sull’interazione con gli oggetti giganti. Sperimentate, fotografate, piegatevi in due dal ridere!

Sweet Museum

La sala Sweet Illusions celebra la dolcezza instagrammabile in ogni sua forma, trasformando dolci e dessert in gigantesche opere d’arte. 

Qui potete fare tutte le foto color pastello che avete sempre sognato: ideale per famiglie, gruppi di amici con idee per album di foto creativi e feste piene di torte e dolci finti! 

Visitatela se:

  • Adorate gli ambienti colorati e i toni pastello: Qui tutto è rosa, bianco panna, celeste e giallo. Dai cupcakes giganti, ai gelati, dalle banane appese al soffitto alla romantica altalena che dondola di fronte a un cielo rosa, avrete l’imbarazzo della scelta per scattare foto rosa e pastello. È probabile che vi venga anche fame!

Believe it or Not: record e altre meraviglie

Questa sezione Believe it or Not celebra l’incredibile e l’insolito ed è ispirata alla catena di musei “Believe It or Not” di Robert Ripley. 

Qui trovate una serie di record del mondo e meraviglie che sfidano la comprensione comune. Avrete una panoramica affascinante su fenomeni e realizzazioni umane e naturali straordinarie.

Visitatela se:

  • Vi affascinano i record del mondo: Questa sezione ospita repliche e illustrazioni che ricordano alcuni dei record mondiali più bizzarri e sorprendenti del mondo. Conoscerete l’uomo più alto della Russia, la persona con le unghie più lunghe del mondo, la storia dell’uomo che mangiava metallo e decine di altre storie di persone passate alla storia.
  • Non resistete alle meraviglie naturali e umane: Oltre ai record, questa sezione mette in mostra anche “meraviglie”, sia naturali che create dagli esseri umani, che sembrano quasi troppo straordinarie per essere vere. Dai capolavori dell’ingegneria umana che hanno infranto i limiti di ciò che si pensava fosse possibile alle sveglie decorate con aculei per svegliare chi proprio la mattina non ce la fa ad alzarsi!

Magic Room

Un bellissimo spazio, molto rilassante e onirico, dove l’illusione e la magia prendono vita in maniera interattiva e coinvolgente. Si tratta di una sala con giochi di luce, effetti speciali e trucchi ottici che trasformano ogni angolo della stanza in un vero e proprio spettacolo magico.

Visitatela se:

  • Vi piacciono le illusioni ottiche: La Magic Room utilizza avanzate tecniche di illuminazione per creare effetti visivi mozzafiato che cambiano l’ambiente intorno a voi. Questi effetti non solo sono belli da vedere, ma sono anche progettati per sfidare la percezione visiva, facendo apparire gli oggetti più vicini o più lontani di quanto realmente siano.
  • Avete bisogno di un ambiente rilassante: Dopo tante sollecitazioni sensoriali tra le sale del Big fun, questa sala può regalarvi un po’ di pace, ambientazione soffusa e comodi cuscini per rilassarvi un po’. 

Altri consigli per visitare il Museo delle Illusioni a Barcellona

  • Meglio visitarlo durante i giorni feriali per evitare la folla dei fine settimana.
  • Non dimenticate di caricare bene il cellulare prima della visita o di portare con voi il caricabatterie se starete in giro dopo: con tutte le opportunità di scattare foto e girare video, la batteria del telefono va via in fretta.
  • Se viaggiate con bambini piccoli, potrebbe essere utile portare un passeggino, dato che il museo è abbastanza grande e ci sono molte aree da esplorare.

Domande frequenti

  • Big Fun e Museo delle Illusioni sono la stessa cosa?

    No, il Big Fun e il Museo delle Illusioni sono in due edifici separati, anche se fanno parte della stessa attrazione.
    Entrambi si trovano in una posizione centralissima.
    L’accesso del Big Fun è su uno dei marciapiedi laterali della Rambla (numero 88-94).
    Anche se lo troverete citato nella descrizione delle sale del Big Fun, il Museo delle Illusioni si trova a cinque minuti di cammino, in Carrer Pintor Fortuny 17.

  • Quanto tempo ci vuole per visitare il Museo delle Illusioni e il Big Fun?

    L’entrata alle attrazioni non ha limiti di tempi, quindi decidete voi quanto tempo volete dedicare alle sale.
    Molto dipende da quante foto vi ritroverete a fare, se visitate i due musei con bambini, e da quante energie avete in corpo!

  • Sono adatti ai bambini?

    Sia il Museo delle Illusioni che il Big Fun faranno la gioia dei bambini: molte delle attrazioni sono progettate per intrattenere e stimolare la creatività dei più piccoli. È un’ottima opzione per le famiglie che cercano un’attività divertente e coinvolgente.

    L’unica sala che non è raccomandata alle persone sotto i 12 anni è il Museo de la Locura dentro il Big Fun Museum.

  • Sono accessibili? 

    Il Museo delle Illusioni è accessibile per persone con mobilità ridotta: trattandosi di una galleria illustrata con pavimenti piani, non ci sono barriere architettoniche di sorta.

    Il Big Fun Museum potrebbe porre più problemi, alcuni dei corridoi delle sale tematiche sembrano piuttosto stretti. Le luci colorate o lampeggianti di alcune sale potrebbero dare fastidio a persone fotosensibili o con altri problemi legati alle luci. In più abbiamo notato che la cartellonistica di certe sale, come le spiegazioni della sala dedicata ai record, è a volte posizionata in punti poco accessibili o è scritta in modo poco chiaro.

Vi abbiamo convinti a visitare questi due musei? Mi raccomando, taggateci sulle vostre foto 🙂

    Nessun commento trovato.
Lascia un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori.