Oscar
Scritto da Oscar

Il quartiere Raval: da maledetto a prediletto!!

| 113 commenti

Se ormai visitare una città vuol dire conoscere le sue attrazioni principali, con questo articolo voglio andare contro qualsiasi tipo di stereotipo, e con qualche consiglio magari far venire la voglia e la curiosità di avventurarsi in uno dei quartieri che ho più a cuore di Barcellona, il Raval.

Probabilmente il mio background antropologico mi porta a vedere le cose sempre in maniera diversa, ma forse è proprio con gli occhi della diversità che si può apprezzare questo quartiere e coglierne anche i lati più controversi.

IMPORTANTE: se la vostra sete di cultura non verrà saziata da questo articolo, allora vi consiglio di dedicare qualche minuto alle nostre proposte di tour guidato:

PARTECIPA AI NOSTRI
TOUR GUIDATI

Informazioni generali

Dopo un lungo periodo di degrado, con l’arrivo degli anni ’90, EL RAVAL inizia a vivere un periodo di riqualificazione, con la ristrutturazione di molti edifici, l’apertura di molti bar, di alberghi e il bellissimo museo di arte contemporanea.

Il quartiere si caratterizza per una forte presenza di etnie differenti, così nelle sue strade troverete negozi commerciali di varie nazionalità, in gran parte pakistani, indiani, arabi e sud americani. Penso che sia proprio questo multiculturalismo a dare al quartiere quell’aria singolare, curiosa e colorata.

Il vecchio e il nuovo qui creano una miscela contrastante, così che passeggiando potrete incrociare un uomo in giacca e cravatta, e dopo due metri una prostituta in cerca di qualche turista da spennare, e dopo tre metri uno spacciatore che prova a vendere rosmarino e farina a qualche allocco! 🙂

Chiamato per decenni dai barcellonesi anche barrio xino (appellativo dispregiativo che il quartiere si era guadagnato per una forte presenza di immigrati orientali), oggi, grazie al lavoro delle forze dell’ordine, è possibile passeggiare per questo quartiere con relativa tranquillità.

Situato tra la famosa Rambla e la lunga via di Paral-lel, il Raval è uno dei 4 distretti che va a comporre la parte più antica di Barcellona, insieme al quartiere Gotico, al Born e alla Barceloneta. Per raggiungerlo in METRO le fermate più vicine sono quelle di Catalunya (linea verde L3 o rossa L1); Liceu, Drassanes o Paral-lel (linea verde L3); Universitat (linea rossa L1) o infine Sant Antoni, che vi lascia proprio nel centro del barrio (linea viola L2).

Per le famigliole con bambini questo quartiere è da vivere più di giorno, per una passeggiata nella Rambla del Raval e qualche negozietto etnico che incontrerete tra i suoi vicoli. Per i viaggiatori più esperti, nonostante la gente strana che incontrerete per strada, la sera si crea un’atmosfera cupa ma intrigante, e passeggiare per il Raval diventerà veramente un’esperienza emozionante!

Sagrada Familia Torri della Sagrada Familia
Scopri tutti i vantaggi dell’online City Pass!

Il Raval è pericoloso? Leggende e verità…

Io penso che sia ormai più un’etichetta che il quartiere poco a poco sta cercando di togliersi. Anche la costante presenza di forze dell’ordine ha reso il Raval un quartiere più sicuro rispetto al passato. Questo non vuol dire che se non prestate più attenzione del solito, qualche borseggiatore in un batter d’occhio vi farà sparire orologio e borsellino senza neanche accorgervene. E la sera, magari, non addentratevi in vicoli trafficati da gente strana.

Importante è cercare di anticipare e prevenire situazioni spiacevoli. Quindi non cadiamo nella trappola dell’allarmismo, che danneggerebbe solo il barrio e i visitatori che vogliono vivere questo quartiere, che a me piace descrivere ancora come il più autentico e ambiguo di Barcellona 🙂

Cosa vedere nel Raval

Antico covo di intellettuali e artisti di livello internazionale, questo quartiere non è semplicemente da visitare soffermandosi su un singolo monumento o museo, ma affascinante è viverne l’atmosfera, le strade e i colori che incontrerete tra i suoi vicoli.

Rambla del Raval

Prima di tutto vorrei consigliare di fare una bella passeggiata nella RAMBLA DEL RAVAL, l’arteria principale di questo quartiere. Qui vi troverete davanti uno dei simboli della zona: IL GATTO DI BOTERO. Questo gatto di dimensioni giganti e rotondeggianti vi farà venire voglia di toccargli i guancioni paffuti! Io e il mio amico Pedro abbiamo passato diverse serate provando a cavalcarlo e salirci sopra, e vi dobbiamo avvisare che è una missione durissima. Consiglio: partite dalla coda che è più bassa! Importante: se vi ferma la polizia non fate il nostro nome 😉

MACBA

Sempre nelle vicinanze, gli appassionati d’arte, potetssono andare al famoso museo di arte contemporanea di Barcellona, il MACBA. Qui troverete opere dei più grandi artisti del XX secolo, con più di 5.000 pezzi tra collezioni permanenti e mostre temporanee.

Macba
Acquista ora

CCCB

Il CCCB o Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona organizza interessantissime mostre ed esibizioni. Ad oggi è in assoluto uno dei centri espositivi più visitati di Barcellona.È qui che verso la fine di aprile e la metà di maggio si tiene l’esposizione annuale delle foto vincitrici del World Press. Io personalmente non me lo perdo mai!

Palau Güell

Sempre per rimanere in ambito artistico, ma soprattutto per coloro che vogliono conoscere una delle opere più importanti del modernismo catalano, suggerisco il PALAU GÜELL. Magnifico esempio di architettura modernista, ancora una volta progettato dalla mente ingegnosa di Antoni Gaudí.

Palau Guell
Acquista ora

Sant Pau del Camp

In questo quartiere sorge anche una delle chiese più antiche di Barcellona, che addirittura risale all’epoca romana, si tratta del Monastero benedettino di SANT PAU DEL CAMP (si trova in carrer Sant Pau 101). Entrando nel monastero la sua semplicità e la sua architettura vi faranno sentire una sensazione strana, quasi come se il tempo qui si fosse fermato.

Sant Pau del Camp
Acquista ora

Antico Hospital De La Santa Creu

Perla del quartiere ed ideale per famiglie e per chi cerca un po’ di relax è l’ANTIC HOSPITAL DE LA SANTA CREU, situato in carrer Hospital 56. Esempio di architettura gotica, costruito nel 1400, oggi è il centro di varie attività culturali e sede della Biblioteca de Catalunya. Qui potete rilassarvi al fresco sotto i portici dell’antico ospedale, oppure sedervi sotto un’alberello mentre osservate la spettacolare struttura. Per gli appassionati di scacchi come me, la mattina montano due mega scacchiere dove giocare. Qui i pezzi giganti fanno sentire il peso di perdere una regina o un cavallo.. e lo scacco matto ha un sapore ancora migliore!

Dove mangiare nel Raval

“A volte i viaggiatori si fermano stanchi e riposano un poco in compagnia di qualche straniero..” così cantavano i Modena City Ramblers. Perché dopo aver camminato e perlustrato questo splendido quartiere vi verrà sicuramente voglia di mettere qualcosa sotto i denti e godervi un po’ di meritato riposo.

In passato già vi abbiamo consigliato qualche bel posticino dove mangiare, ma io voglio darvi qualche freccia in più da sparare, nel caso vi venisse fame in quel del Raval.

El Louro

Indirizzo: Carrer del Caputxins 37 | Metro: Liceu, linea verde L3 |Prezzo 30 – 35 €

Il LOURO, un ristorante aperto da poco di cucina gallega rivisitata in maniera creativa che si trova proprio sulla Rambla a due passi dal Palau Güell. Noi ci siamo stati recentemente ed è stata davvero una bellissima esperienza culinaria. Si mangia sia pesce che carne, e alla base c’è una ricerca minuziosa della materia prima uniti all’inventiva di uno chef “visionario”. Visto che il ristorante non è grandissimo se volete andarci prenotate il vostro tavolo direttamente da qui.

Arume

Indirizzo: carrer d’en Botella 11| Metro: Sant Antoni, linea viola L2 |Prezzo 30 – 35 €

Poi consiglio assolutamente il ristorante ARUME, in  In questo locale più che mangiare vivrete un’esperienza culinaria! I piatti sono super lavorati, unendo freschezza e sapori differenti. Fanno una paella eccezionale, e anche gli altri piatti, sia di pesce (polpo croccante!) che di carne, hanno quella marcia in più.. e le vostre papille gustative a fine serata ringrazieranno lo chef! Fatevi anche un Mojito alle more, io sono un esperto ed è veramente speciale. Si spende più o meno 25-30 euro a cranio, ma ne vale la pena. Attenzione che è aperto solo la sera, e magari prenotate, in modo da esser sicuri di trovare posto.

Café El Jardí

Indirizzo: carrer de l’Hospital 56| Metro: Liceu, linea verde L3 |Prezzo 15 – 20 €

Per un pranzo, ma anche solo per bere qualcosa, potete rilassarvi tra le piante e gli alberi del CAFÉ EL JARDI, situato proprio nella splendida struttura gotica dell’antico Hospital de la Santa Creu. Questo bar è consigliato per famiglie e gente che cerca un po’ di tranquillità, anche per staccare un pochino dal movimentato centro della città.

A tu bola

Indirizzo: carrer de l’Hospital 78| Metro: Liceu, linea verde L3 |Prezzo 10 €

Girando per il Raval (da buon giornalista attivo sul campo) ho scoperto anche questo locale che non saprei definire: si chiama A TU BOLA, in carrer de l’Hospital 78. La traduzione del nome del posto la lascio cercare a voi sul traduttore di Google! Io lo definirei un polpettaio! Fanno polpette in tutte le polpe. Carne, pesce, verdure, e tutte servite con salsine di Hummus o altre insalate. L’ambiente è piccolo, con cianfrusaglie appese ovunque, verdura fresca esposta, e cucina a vista con una cuoca che frigge polpette come non ci fosse un domani. Io ho mangiato tre polpette con gamberi e tutta la loro salsina più pita e acqua (ed ero pieno!) ad un prezzo di 9,50 euro. Da non perdere assolutamente!

Restaurant Elisabets

Indirizzo: Carrer de les Ramelleres, 3| Metro: Liceu, linea verde L3 |Prezzo 15 – 20 €

Se siete alla ricerca di tapas vi consiglio questo locale storico Raval, con un bellissimo ambiente famliare. Il cibo è fatto in casa e i prezzi sono onestissimi.

La Federal

Indirizzo: Carrer del Parlament 39 | Metro: Poble Sec, linea verde L3 o Sant Antoni, linea viola L2 |Prezzo 15 – 20 €

La Federal è un ottimo posto per una pausa a qualsiasi ora della giornata, potete partire dalla colazione, bella ricca e sostanziosa, continuare con il brunch e finire con la merenda. L’ambiente è moderno e il personale molto cordiale.

Bar e drink nel Raval

Con l’accendersi dei lampioni lungo la Rambla del Raval e l’affievolirsi della luce naturale, il quartiere espone tutti i suoi lati più trasgressivi e misteriosi. I bar e i localini che illuminano le sue stradine cominciano ad affollarsi di gente di tutti i tipi: impiegati, dirigenti, lucciole, artisti e tanti turisti incuriositi, vengono qua per vivere anche solo per una birra l’atmosfera che si respira nel barrio.

A continuazione trovate una lista dei miei posti preferiti dove andare a godere dell’atmosfera multiculturale del Raval.

Bar Marsella

Indirizzo: Carrer de Sant Pau, 65 | Metro: Liceu, linea verde L3 o Parallel, linea viola L2 

Il primo bar che sto per presentarvi non è un semplice bar, ma è una “leggenda” del quartiere, uno di quei bar che fa parte dell’animo bohémienne che caratterizza il Raval: signore e signori, ecco a voi il BAR MARSELLA!! Aperto nel 1820, questo bar è stato il punto di ritrovo di artisti come Picasso, Hemingway, Orwell e tanti altri, che venivano qui a bere l’assenzio, liquore con sapore di anice e con forte gradazione alcolica (prima possedeva anche una sostanza allucinogena, ora non più).

Consigliato per stomachi forti e per viaggiatori che vogliono sentire l’odore di alcool nelle pareti! =) Ordinate un’assenzio con i vostri amici, ma solo uno; del secondo potreste pentirvene.

Adatto solo ai più bohemi.

Ovella Negra

Indirizzo: Carrer de Sitges, 5 | Metro: Plaça Catalunya, linea verde L3 

Altro bar storico e frequentatissimo del quartiere, con ambiente giovanile, è la OVELLA NEGRA. Qui potrete bere delle belle pinte di birra in compagnia di tanti ragazzi che scelgono questo bar come punto di partenza per iniziare le loro serate. In questo locale, a mio parere, fanno anche una delle migliori sangrie della città. Il casino è l’ordine in questo bar; camerieri che sguizzano qua e là con litrate di sangria, clienti assettati in coda davanti al bancone, urla, cori e canti. E poi non mancano mai coloro che della sangria hanno abusato, e si riposano in questa cornice di delirio! Se ci andate provate anche a giocare al biliardino spagnolo!

Adatto ai più giovani.

Bar Casa Almirall

Indirizzo: Carrer de Joaquin Costa, 33 | Metro: Universidad, linea verde L1 o Sant Antoni, linea viola L2.  

Odore di legno antico, luci soffuse affidate a qualche abat-jour, marmo usurato e arredamento modernista. Mi emozione sempre ogni volta che entro nel BAR CASA ALMIRALL, uno stabilimento che vive da 150 anni servendo il miglior vermouth di Barcellona. Situato nella via più movimentata del Raval, carrer de Joaquin Costa, questo bar è una delle perle di quel lato artistico e bohémienne che caratterizzano il Raval. Da provare!

Adatto a chi è in cerca di autenticità.

Musica dal vivo

Pensando ai nostri lettori che ci chiedono sempre della musica dal vivo ho deciso di suggerirvi due bei posticini.

La Rouga

Indirizzo: Rambla del Raval, 10 | Metro: Liceu, linea verde L3 o Sant Antoni, linea viola L2

Il bar LA ROUGA e si trova proprio sulla Rambla del Raval. Qui potete bere qualcosa sulla terrazza davanti al locale oppure andare all’interno e ascoltare uno dei concerti che fanno dal giovedì alla domenica (di solito flamenco, Rumba e blues). Controllate la loro pagina Facebook per la programmazione.

JazzSí

Indirizzo: Carrer de Requesens, 2| Metro: Sant Antoni, linea viola L2

Il JazzSí, è uno di quei localini nascosti nei vicoli del Raval, ma una volta trovato rimarrete incantati. Qui grazie alla collaborazione che il bar ha con una scuola di musica, potete assistere ad uno dei tanti concerti di flamenco, jazz, blues e rock. L’ingresso costa dai 5 ai 10 euro, con consumazione inclusa. Potrebbe essere un’alternativa per chi volesse ballare e fare un po’ di festa ascoltando della buona musica. Controllate programmazione sul loro sito.

Questi sono solo alcuni suggerimenti, provati sulla mia pelle, però il quartiere Raval è ricco di localini dove sorseggiare qualche buon drink, quindi affidatevi anche al vostro istinto, e scegliete quello che più vi ispira 😉

Flamenco Barcelona Donna che balla il flamenco
Non perderti gli spettacoli più esclusivi della città!

Discoteche

Moog

Indirizzo: Carrer Arc del Teatre, 3| Metro: Sant Antoni, linea viola L2

Per chi decidesse di non tornare a dormire e fare festa fino al mattino, vi consiglio il MOOG. Questa è una delle discoteche in cui ho fatto alcune delle mie più belle serate in Barcellona. Fanno musica elettronica, il posto è piccolino ma è veramente una bomba!

Shopping e altro

Nel Raval non manca proprio niente! Qui si può fare shopping e trovare pezzi unici a prezzi modesti. Le principali vie sono carrer del Carme, carrer de l’Hospital e carrer de Joaquin Costa. In queste strade potrete trovare un mix eterogeneo e multiculturale, così che affianco ad antiquari e librai troverete indiani che vendono pietre preziose e vestiti colorati e tanti negozi vintage.

In questa zona potete anche trovare una miriade di “locutori”, che sono dei locali dove potete fare delle chiamate internazionali e usare internet a prezzi economici. Se qualcuno non riuscisse a stampare qualche ticket comprato online, questo è il posto ideale per farlo.

Ora che avete qualche dritta sul Raval, mettete da parte tutti i pregiudizi e le voci che circolano sul suo conto, e gustatevi il suo carattere esotico e colorato. Buona passeggiata!!

  • Luglio 29, 2015 at 22:08
    stefania
    Hola Pedro! tra meno di un mese sarò a Barcelona..e alloggero in un appartamento a Hort de la bomba..sai dirmi com'è come zona..stare tranquilla?! :/ grazie
    • Luglio 30, 2015 at 11:44
      osky
      Membri del team
      Oscar
      Hola Stefania, il tuo alloggio si trova nel quartier del Raval. Prima era un quartiere un po contrastante, ora invece grazie alle forze dell'ordine la situazione è molto più tranquilla. Magari presta un po' più di attenzione del solito, però io ti consiglio di stare tranquilla. :-) Leggi l'articolo che ti ho postato, potrebbe esserti di aiuto.. Oscar
  • Luglio 22, 2015 at 08:53
    Nicola
    Buongiorno, sarò a barcellona da venerdì sera fino a lunedì sera, con mia moglie e le mie figlie di 6 e 3 annni, prima di tutto complimenti per il blog che ho usato tantissimo in questi giorni per organizzare un po' di cose. Allogio all'hotel sant augusti nel qualrtiere Raval, leggendo questo articolo mi sono sorte alcune domande, la più importante è se la sera posso uscire a piedi per andare a cenare in qualche bel ristorante oppure mi devo preoccupare nel rientrare a piedi in hotel, visto che sono con due bimbe piccole? Grazie.
    • Luglio 22, 2015 at 09:23
      pietro
      Membri del team
      Pedro
      Hola Nicola, puoi uscire tranquillamente la sera, anche perché sei molto vicino alla Rambla. Tieni le tue bimbe per mano peró, perché é una zona molto trafficata dai turisti. L'unico pericolo di quella zona possono essere i borseggiatori, quindi tieni il portafogli al sicuro ;-)
  • Luglio 17, 2015 at 20:03
    Mauro
    Bella Oscar, articolo molto ben curato e soprattutto a me utilissimo, dato che tra un paio di settimane con un pò di amici partirò per Bcn per un tranquillo weekend di addio al celibato :) e questo, come tutti gli articoli del sito del resto, mi è più che mai utile, dato che sia io che i miei compagni di viaggio siamo alla prima esperienza a bercellona e 'causalmente' ci troviamo ad alloggiare al raval... :D M'incuriosisce da matti l'ovella negra e penso sarà il primo posto dove vorrò andare..incrociamo le dita e speriamo bene! Grazie e di nuovo complimenti per l'ottimo lavoro! Mauro
  • Luglio 15, 2015 at 14:21
    Carlotta
    Ciao! Devo farti i miei complimenti, leggo sempre i vostri articoli e questo è uno dei meglio riusciti. Completo e utilissimo! Un saluto da Firenze da un'amante sfegata di BCN, Carlotta. http://unapennainviaggio.blogspot.it/
    • Luglio 16, 2015 at 10:05
      osky
      Membri del team
      Oscar
      Hola Carlotta, ti conoscevo già, :-) perché Marco (che è un mio carissimo amico) mi aveva parlato di te! Ho letto la vostra intervista sul Brasile e ho spulciato anche il tuo blog, e devo farti i miei complimenti, brava! E poi non ti nego che avendo vissuto per 5 anni a Firenze, rileggere il tuo blog è stato un viaggio tra i luoghi e gli spazi che mi hanno fatto innamorare di questa città. Continua così! Un saluto da Barcellona! Oscar
      • Luglio 16, 2015 at 17:29
        Carlotta
        Grazie mille Oscar! Mi fa piacere che tu abbia letto il blog!:) Quando Marco, tempo fa, mi ha detto che aveva un amico a Barcellona e che scriveva per questo sito mi sono detta "ma quanto è piccolo il mondo!?" ! Io vi seguo da tantissimo tempo perchè amo Barcellona e spero tanto un giorno di poterci vivere! Se vuoi fare anche te l'intervista, io sono contenta! hehehe Ciao dalla ora torrida Firenze! Carlotta
        • Luglio 17, 2015 at 09:58
          osky
          Membri del team
          Oscar
          Ciao Carlotta, allora ti aspettiamo a Barcellona, vieni a trovarci quando vuoi... Per l'intervista sarebbe bello farla di persona, quindi puoi cogliere l'occasione e fare un viaggio di "lavoro"! :-) Un Abbraccio da Barcellona! Oscar
Lascia un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori.